Una modifica del cavalletto

Titolo Articolo:

UN UTILE SUGGERIMENTO SUL CAVALLETTO

Una utile modifica ad un cavalletto da studio per avere una base di appoggio davanti a voi per la tavolozza mentre dipingete.

separatore blog up

♦ Pittura ad olio
♦ Rivolto ai non esperti
♦ Un’utile modifica al vostro cavalletto da studio per avere un piano d’appoggio
♦ Lunghezza articolo: breve

separatore blog down

Diversi anni fa ho visitato a Firenze insieme alla mia dolce compagna Fabiana una bellissima mostra incentrata sui pittori impressionisti.
In una sala erano mostrati alcuni “strumenti di lavoro” tipo le cassette originali dei colori o i cavalletti da campo di alcuni maestri. Tra questi ultimi ho notato un utilissimo adattamento che aveva permesso all’artista di avere un piano di appoggio davanti a sè per la tavolozza senza doverla continuamente tenere con il braccio sinistro.
Se come me possiedi un cavalletto da studio in casa o pensi di acquistarlo (è davvero molto comodo) ti mostro come crearti un pianetto dove appoggiare la tela mentre dipingi (io trovo molto comodo ovviamente averla davanti a me e non sul tavolo di fianco).

Basta semplicemente rimediare una tavoletta di multistrato da 1 cm di spessore (sufficiente come robustezza e rigidità che potrete acquistare in una falegnameria o negozi di fai da te) e di dimensione 56 x 35 cm (a seconda del vostro cavalletto le dimensioni potrebbero variare).

Ho eseguito due coppie di fori ravvicinati (vedete figura di seguito) sul lato destro e sinistro

(fori da eseguire naturalmente sia sulla tavoletta che sulla parte inferiore della vaschetta porta oggetti del cavalletto) con un diametro compatibile con il tipo di viti a testa esagonale che ho reperito (ne servono 4, 8 rondelle, 4 dadi a farfalla o esagonali). Scegliete comunque un gambo della vite un minimo robusto.

Quindi dopo aver collocato delle rondelle piane sia sopra che sotto per distribuire meglio la pressione sul legno ho fissato la tavoletta serrando dei dadi a farfalla da sotto.

Poi vi basterà coprire il legno con della carta assorbente e sarete pronti ad utilizzare il piano per dipingere. Vi tornerà comodo sia per tenere la tavolozza cui attingere i colori sia per tenere il vasettino con l’olio di lino sia per appoggiare (senza però insistere molto con il vostro peso) il gomito che impugna il pennello per eseguire dei dettagli con mano più ferma.
Io onestamente mi trovo benissimo da quando ho aggiunto questo pianetto!

separatore blog up

Clicca sul cuore se hai apprezzato l'articolo, grazie!

Hai dato un'occhiata anche ai miei dipinti ad olio presenti in galleria?

Next La tavolozza dei colori
articolo tavolozza

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You can enable/disable right clicking from Theme Options and customize this message too.